• Email:
    info@unavocenelsilenzio.it

La nostra solidarietà alla Chiesa Ortodossa Serba

Pubblicato da: UVNS 0 Commenti

14 gennaio, Milano – Oggi i volontari di Una voce nel silenzio si sono dati appuntamento di fronte al Consolato del Montenegro a Milano per esprimere solidarietà alla Chiesa Ortodossa Serba. Il 27 dicembre è stata approvata una legge dal Parlamento montenegrino chiamata provocatoriamente “legge per la libertà religiosa” quando, in realtà, il testo esprime

Leggi tutto

Agosto 2019 – Storie dal Kosovo

Pubblicato da: UVNS 0 Commenti

21 agosto 2019, Belgrado. I volontari di Una Voce Nel Silenzio, in missione, in visita al museo dedicato alle vittime serbe della guerra in Kosovo. Le stanze, allestite con le foto degli scomparsi, sono un modo per rendergli omaggio e per mantenere sempre vivo il ricordo di tutti i caduti, dei rapiti e dei dispersi

Leggi tutto

Ostaggi di Pasqua. Israele e la cristianofobia

Pubblicato da: UVNS 0 Commenti

L’importanza della Pasqua per la religione cristiana è ben nota a tutti. La sua celebrazione rappresenta per ogni fedele un momento fondamentale, in essa possiamo, infatti, ritrovare i cardini della dottrina, Gesù Cristo, il figlio di Dio, si rende uomo per poter sacrificare il dono più importante concessoci, cioè la vita, affinché ogni uomo possa

Leggi tutto

Ad essere cristiani ci vuole coraggio

Pubblicato da: UVNS 1 Commento

Sono 359, per ora, i morti accertati nell’attacco alle chiese e all’hotel in Sri Lanka nel giorno di Pasqua. Ma si poteva evitare tutto ciò? Forse sì, forse no. Quello che è certo è che i segnali erano stati molteplici in più parti del mondo. Dalle repressioni, alle ingiurie, alle “semplici” offese o divieti, la

Leggi tutto

Non punirne nessuno per educarne altrettanti. Israele assolve gli attentatori

Pubblicato da: UVNS 0 Commenti

Non punirne nessuno per educarne altrettanti. Nel gennaio del 2016 a Gerusalemme, l’abbazia della Dormizione è stata vittima di un vile attacco, le sue antiche mura sono state imbrattate con scritte sacrileghe in lingua ebraica, alcuni locali sono stati dati alle fiamme, fortunatamente senza gravi conseguenze.[1] Fatto di cronaca decisamente inquietante già di per sé,

Leggi tutto