//www.unavocenelsilenzio.it/home/wp-content/uploads/2017/11/logo1.jpg
//www.unavocenelsilenzio.it/home/wp-content/uploads/2017/11/foto1.jpg
//www.unavocenelsilenzio.it/home/wp-content/uploads/2017/11/foto2.jpg
//www.unavocenelsilenzio.it/home/wp-content/uploads/2017/11/foto3.jpg
//www.unavocenelsilenzio.it/home/wp-content/uploads/2017/11/foto4.jpg

TERRA SANCTA SCHOOL

Sostieni un bambino di Gerusalemme

La popolazione cristiana in Terra Santa è afflitta da numerosi problemi politici che ormai perseverano da molti anni, in particolare a Gerusalemme, la città Santa.

Oggi, a Gerusalemme, vivono circa un milione di persone, di cui più della metà di religione ebraica. Qui si vive in un microcosmo religioso, dove si sente forte il richiamo alla preghiera e in cui la restante parte della popolazione è araba, divisa in cristiani e musulmani. Negli ultimi anni la città ha subito una lenta trasformazione, dovuta all’immigrazione di tanti ebrei della diaspora. Sono nati quartieri grandi come paesi, dove risiedono numerosi ebrei provenienti dalla Russia o dall’Argentina, che hanno portato con loro tradizioni e culture diverse dal mondo arabo. Da anni la vita a Gerusalemme è un’altalena di tensioni che ha creato una situazione tragica, di ansia e di paura, soprattutto dopo l’erezione del muro di separazione tra Betlemme e Gerusalemme, che ha fatto precipitare tutti in un baratro di sofferenza e di impotenza, di cui i più giovani e i bambini pagano maggiormente le conseguenze.
Oggi la costruzione del muro ha diviso molte famiglie e ad aggravare questa difficile situazione vi è un aumento incontrollato della disoccupazione e l’impossibilità per molti giovani di frequentare l’università. Oggi la presenza cristiana è in forte minoranza.
Per i padri francescani che vivono in prima linea in Terra Santa, è importantissimo non far morire la presenza cristiana, poiché se i luoghi santi si svuotano dai cristiani, rischiamo di avere tanti musei e reperti archeologici ma privi dell’essenza della vera vita cristiana.
In particolare ne soffrono i bambini che, vivendo in una condizione di povertà, non hanno modo di seguire un’istruzione adeguata, e spesso presentano problemi di apprendimento causati da un ambiente familiare violento e particolarmente duro.

La Terra Sancta School di Gerusalemme, dei Padri Francescani, diretta da Padre Ibrahim Faltas, è frequentata da circa 400 ragazzi dai 3 anni ai 18 anni, dall’asilo al liceo. È situata dentro le mura della città vecchia, ha una storia secolare e grazie alla generosità di benefattori, ha continuato ad assicurare ai bambini programmi scolastici di alto livello e un percorso disciplinare educativo, che sfocia in una piccola realtà scolastica, dove il bambino o il ragazzo possono trovare un’oasi di pace e di armonia, in una città ferita.
L’impegno della scuola è di dare a tutti la possibilità di vivere l’infanzia e l’adolescenza in un ambiente dove c’è amore e dove è ancora possibile educare ad una cultura di pace, nel rispetto delle singole religioni. Prepariamo i ragazzi ad affrontare la vita e ad essere protagonisti della loro storia.
Per i Padri francescani è molto importante aiutare le famiglie e i loro figli, perché la situazione in città vecchia per gli adolescenti è drammatica: più aumenta la povertà, più i ragazzi vengono coinvolti nell’utilizzo e nello spaccio di sostanze stupefacenti, con tutto ciò che ne consegue.
Molte famiglie non sono più in grado di pagare una minima retta, dovendo provvedere ai bisogni quotidiani e primari.
I costi che la Scuola ha affrontato, sino ad oggi, sono stati sostenuti dalla generosità delle persone. Il perdurare della forte crisi economica e politica sta mettendo in seria difficoltà il futuro dell’Istituto scolastico; la chiusura di una scuola è, di per sé, una sconfitta, ma in questo contesto lo è ancora di più.

Il sostegno a distanza è un grande atto di solidarietà che garantisce ai bambini che vivono a Gerusalemme, in particolare nella città vecchia, e alle loro famiglie, un aiuto economico, affinché vengano assicurate l’istruzione scolastica e le cure primarie.

Il sostegno a distanza sostiene le famiglie più povere, mettendole in condizione di potersi prendere cura dei loro bambini e di poter sostenere le spese necessarie per la loro crescita, evitando così che, sotto la pressione delle difficoltà economiche, si giunga a gravi conseguenze.

  • I bambini della Scuola di Terra Santa a Gerusalemme sono 400
  • La loro fascia di età è dai 3 anni ai 18 anni
  • Il percorso scolastico dura 15 anni
  • Si educano ad una cultura di pace

Con un sostegno minimo di € 300 all’anno, puoi costruire un futuro migliore per ciascun bambino.

Andare oltre... l’adozione

  • Avrai la possibilità di creare con il bambino un legame davvero unico.
  • Riceverai la sua foto, le notizie relative alla sua crescita, i suoi disegni e i suoi progressi scolastici.
  • Potrai fare un viaggio a Betlemme per conoscere il bambino, gli insegnanti e la struttura scolastica

ATTIVA ORA IL TUO SOSTEGNO A DISTANZA!

Autorizzo Branco - Branca Comunitaria Solidarista Onlus ad incassare l’importo della suddetta quota addebitandola sul conto corrente secondo le norme di incasso del servizio S.D.D. (ex R.I.D.) fino a mia espressa revoca di tale autorizzazione. Codice CID Bran.Co Onlus: IT38B0311101654000000000560

BENEFICI FISCALI

Tutte le donazioni a Bran.Co Onlus - Una Voce nel Silenzio godono di agevolazioni fiscali, devi solo scegliere se dedurre o detrarre l'importo donato. Se non sai qual è la soluzione più adatta a te, rivolgiti al tuo CAF.  Conserva l'estratto conto della carta di credito o del conto corrente bancario o postale. Ogni anno, a marzo, ti invieremo un prospetto sintetico delle tue donazioni dell’anno precedente. Info: info@unavocenelsilenzio.it